Archivi autore: Il Candelaio

Legge 219_2

Sono le 13 e 10 minuti. Sto tornando da scuola e sto andando a casa. Frequento la quinta classe elementare, la mia maestra si chiama Giulia, porta spesso i pantaloni, ha gli occhiali e i capelli lunghi e neri. Non … Continua a leggere

Pubblicato in Varie | Lascia un commento

Stato di quiete

Una delle caratteristiche della poesia di Pierluigi Cappello è la nitidezza. Ecco un esempio: Costruire una capanna/di sassi rami foglie/un cuore di parole/qui, lontani dal mondo/al centro delle cose,/nel punto più profondo. Questi sei versi chiudono la raccolta Stato di … Continua a leggere

Pubblicato in Varie | Lascia un commento

Sono solo poesie

Pietro Secondulfo,  il poeta generoso C’è un momento nella vita quando la poesia ha urgenza di uscire fuori, farsi conoscere, parlare, interloquire,  farsi leggere. È un qualcosa  che viene dall’anima? Da dentro? Che ci attraversa a nostra insaputa? È un … Continua a leggere

Pubblicato in Recensioni | Lascia un commento

Il bene che viene dai morti

di Giovanni Mariotti, et al./edizioni, Milano, 2011. È la storia di due ragazzi timidi e tristi che per qualche tempo hanno viaggiato insieme, tutte le sere, seduti accanto nell’autobus che li riportava a casa dalla città. Li riportava al paese … Continua a leggere

Pubblicato in Recensione libri | Contrassegnato , | Lascia un commento

Prosa o poesia

1. Una volta, neanche tanto tempo fa, si pensava che la poesia avesse un rapporto diretto con i destini generali del mondo. Si pensava che la poesia fosse qualcosa di importante. Le cose, però, negli ultimi decenni sono cambiate. Tanto … Continua a leggere

Pubblicato in Poesie | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

La morte

Oggi sul treno dei pendolari, è salita la morte. Ha trovato un posto libero vicino al finestrino nella stessa direzione di marcia del treno, come piace a lei. Si è tolta il soprabito, ha sistemato la borsa di pelle nera … Continua a leggere

Pubblicato in Varie | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Perché leggere Il gioco della felicità di Gabriele Iaconis mi ha reso felice.

Il lettore appassionato di narrativa è un tipo malinconico e insoddisfatto. Legge compulsivamente libri che non sa più dove mettere: si ripromette di andare all’Ikea per comprare una nuova indispensabile scaffalatura, ma è consapevole che non saprà poi montarla, e … Continua a leggere

Pubblicato in Recensioni | Contrassegnato | Lascia un commento