Reclamo della parola giustizia

RECLAMACIÓN POR LA PALABRA JUSTICIA
di Stefania Buosi Moncunill (2018)

Me dirigo a Ustedes, señores míos:
por las palabras ocultadas,
porque, a veces, no me gustan los silencios,
porque, pocas veces, no me gustan las sonrisas. Continua a leggere

Pubblicato in Poesie | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Un uomo è morto ed io non posso piangere

(poesia d’occasione)
Un uomo è morto.
Un uomo è morto, lontano da qui.
Un uomo è morto ed io non posso piangere.
Le gelide pareti nude di Castiglia
me l’impediscono. Ci sono notti, di altri,
gelide come la sua, ma con una
coscienza sveglia, inquieta.
 .
Chi chiude gli occhi, non pensa a questi altri
che rimangono, imprigionati proprio da lui.
.
M. Bourret Guasteví, poeta del quotidiano,
in occasione della morte di José Manuel Maza
(tradotto dal catalano da Stefania Sònia Buosi Moncunill)
.
Pubblicato in Poesie | Lascia un commento

Non sento non odo

Partiamo dall’ipotesi non assurda che la poesia sia un movimento che
attraversa l’uomo.
Assumiamo quest’ipotesi come punto di partenza. La poesia è quindi una forza, un’emozione che attraversa l’uomo e che può essere generata sia dall’esterno che dall’interno della persona che scrive. Non c’è una regola precisa.
In effetti, la poesia o è il frutto di qualcosa di nostro, che nasce e si sviluppa in noi, oppure viene da fattori esterni che ci colpiscono in modo particolare tanto da farci sentire il bisogno di parlarne. Si tratta naturalmente di emozioni, Continua a leggere

Pubblicato in Poesie | Lascia un commento

Un ministro chiamato De Mauro

Antefatto. Tullio De Mauro, proposto da Giuliano Amato, diventa ministro il 25 aprile del 2000. Durerà in carica fino all’11 giugno del 2001. Massimo D’Alema si è appena dimesso da capo del governo, in seguito alla sconfitta del centrosinistra alle elezioni regionali del 16 aprile. Luigi Berlinguer si è giocato tutta la sua popolarità con il concorsone. Il suo partito non l’ha riconfermato. Continua a leggere

Pubblicato in Varie | Contrassegnato , | Lascia un commento

Il ‘Novecento’: un racconto /Seconda Parte/

Appunti sparsi sul ‘900 letterario e non solo

3.

Il Novecento inizia con l’introduzione di alcune novità, frase banale quanto si vuole ma vera. Si tratta di novità sostanziali, novità che porteranno cambiamenti epocali, finalmente. Continua a leggere

Pubblicato in Varie | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Novecento

Il  ‘Novecento’: un racconto

Appunti sparsi sul ‘900 letterario e non solo

1.Il Novecento italiano (con tutta probabilità)  ha il sapore di una caramella, il colore di un film e la sostanza di un libro.

Potrebbero essere queste, in sintesi,  le tre immagini simbolo del secolo ormai trascorso. La caramella per  il particolare sapore, il film per un unico possibile colore e il libro per la sostanza,  cioè per le idee e le convinzioni. Continua a leggere

Pubblicato in Frammenti di vita | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Stato di quiete

Una delle caratteristiche della poesia di Pierluigi Cappello è la nitidezza.
Ecco un esempio: Costruire una capanna/di sassi rami foglie/un cuore di parole/qui, lontani dal mondo/al centro delle cose,/nel punto più profondo.
Questi sei versi chiudono la raccolta Stato di Quiete. Pubblicata nel novembre scorso, è divisa in tre sezioni, per un totale di trenta poesie. Trenta poesie in sei anni. Anni difficili, come ci anticipa il poeta nella nota in apertura del volume. Continua a leggere

Pubblicato in Prove, Recensioni | Contrassegnato , , | Lascia un commento