Brigata Osoppo

Fu così che uccisero la poesia?  Forse sto esagerando,  ma,  questi sono i fatti. E dopo averli sentiti ognuno deciderà  come giocarseli: se farli scorrere sulla pelle come acqua corrente, far finta di non aver capito,  oppure  trascorrerci una mezz’oretta a pensarci su.
Dunque, i partigiani della brigata Osoppo, in provincia di Udine, furono trucidati da una brigata partigiana comunista. Erano accusati ingiustamente di  tradimento: si tratta dell’eccidio di Porzùs (chi non sa,  si informi).
Mi chiamo Peppe, sono un super operaio specializzato (una volta  spiegherò perché mi definisco super) e sono abbastanza disilluso.  Bene, mentre scorro la lista dei diciotto  morti della brigata Osoppo, mi accorgo che tra i nomi dei combattenti per la nostra libertà, ci sono il fratello minore di Pier Paolo Pasolini e lo zio  di Francesco De Gregori.   I loro nomi di battaglia erano,   rispettivamente: Ermes e Bolla. Mi viene subito da pensare… che coincidenza. Parenti di poeti o di artisti in qualche modo famosi accomunati nello stesso destino.
Allora penso anche che se esiste il germe della poesia e dell’arte  (e tale  ‘malattia’ viene vissuta come ineluttabile), allora quel germe doveva essere presente in qualche forma anche nei parenti trucidati.  E se il germe è  un batterio o un microbo, molto probabilmente,  in virtù delle sue caratteristiche,  il germe della poesia si è –  si sarà –  insinuato anche e specialmente nei tessuti degli altri, specie quelli più vicini o prossimi.   Ci sarebbe da pensare, allora,  per estensione fantasiosa, che tutta la brigata ‘Osoppo’ fosse una brigata di artisti e di poeti. E sono stati uccisi. Tutti. Uccidendo così poesia e arte nello stesso momento. Ora però mi fermo altrimenti ci sarà il solito mio detrattore che scuoterà la testa…e dirà ‘ma quante cazzate’,  (il fatto è che dire cazzate, mi libera, mi fa sentire meglio…e allora perché non dirle?).
La verità è che sono solo un operaio con la fantasia un po’ malaticcia. I miei pensieri non portano  a nulla e il più delle volte io  giro a vuoto. Ma,  che devo fare? Neanche posso spegnerla, la fantasia dico. A meno che non la spengano gli altri, come succede spesso.
di Francesco Di Lorenzo
foto di spartaco552000

 

Be Sociable, Share!
Questa voce è stata pubblicata in Frammenti di vita e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Brigata Osoppo

  1. giovanni romano scrive:

    …tutti i combattenti per le libertà sono stati è sono un pò poeti…

    • Admin scrive:

      E’ vero, è proprio quello che pensavo. Mi verrebbe da dire che la poesia non è per chi ha lo stomaco delicato ma per tipi duri. Gente che a vent’anni s’infila gli scarponi e se ne va in montagna sapendo che forse non tornerà più. Tipi coriacei, così coriacei che nonostante le sconfitte, le disillusioni e i tradimenti continuano a “crederci” perchè sanno che le loro idee e la loro vita sono giuste così e per nulla al mondo le cambierebbero. Tipi tosti, così tosti da riuscire a vedere la poesia di una margherita o di una nuvola mentre tutt’intorno il mondo impazziva…

      Ferdinando Gaeta

  2. rosanna scrive:

    Francé, forse erano loro i veri poeti e de gregori ci delizia con i testi che il fratello aveva scritti in un quaderno… ci vuole poesia per morire così… e a “sparare cazzate” talvolta ci puoi andare vicino alla verità… Bacione (il 6 luglio presento il mio ultimo libro di cazzate… vedi di esserci)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *