Non sento non odo

Partiamo dall’ipotesi non assurda che la poesia sia un movimento che
attraversa l’uomo.
Assumiamo quest’ipotesi come punto di partenza. La poesia è quindi una forza, un’emozione che attraversa l’uomo e che può essere generata sia dall’esterno che dall’interno della persona che scrive. Non c’è una regola precisa.
In effetti, la poesia o è il frutto di qualcosa di nostro, che nasce e si sviluppa in noi, oppure viene da fattori esterni che ci colpiscono in modo particolare tanto da farci sentire il bisogno di parlarne. Si tratta naturalmente di emozioni, Continua a leggere

Pubblicato in Poesie | Lascia un commento

Un ministro chiamato De Mauro

Antefatto. Tullio De Mauro, proposto da Giuliano Amato, diventa ministro il 25 aprile del 2000. Durerà in carica fino all’11 giugno del 2001. Massimo D’Alema si è appena dimesso da capo del governo, in seguito alla sconfitta del centrosinistra alle elezioni regionali del 16 aprile. Luigi Berlinguer si è giocato tutta la sua popolarità con il concorsone. Il suo partito non l’ha riconfermato. Continua a leggere

Pubblicato in Varie | Contrassegnato , | Lascia un commento

Il ‘Novecento’: un racconto /Seconda Parte/

Appunti sparsi sul ‘900 letterario e non solo

3.

Il Novecento inizia con l’introduzione di alcune novità, frase banale quanto si vuole ma vera. Si tratta di novità sostanziali, novità che porteranno cambiamenti epocali, finalmente. Continua a leggere

Pubblicato in Varie | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Novecento

Il  ‘Novecento’: un racconto

Appunti sparsi sul ‘900 letterario e non solo

1.Il Novecento italiano (con tutta probabilità)  ha il sapore di una caramella, il colore di un film e la sostanza di un libro.

Potrebbero essere queste, in sintesi,  le tre immagini simbolo del secolo ormai trascorso. La caramella per  il particolare sapore, il film per un unico possibile colore e il libro per la sostanza,  cioè per le idee e le convinzioni. Continua a leggere

Pubblicato in Frammenti di vita | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Stato di quiete

Una delle caratteristiche della poesia di Pierluigi Cappello è la nitidezza.
Ecco un esempio: Costruire una capanna/di sassi rami foglie/un cuore di parole/qui, lontani dal mondo/al centro delle cose,/nel punto più profondo.
Questi sei versi chiudono la raccolta Stato di Quiete. Pubblicata nel novembre scorso, è divisa in tre sezioni, per un totale di trenta poesie. Trenta poesie in sei anni. Anni difficili, come ci anticipa il poeta nella nota in apertura del volume. Continua a leggere

Pubblicato in Prove, Recensioni | Contrassegnato , , | Lascia un commento

La poesia e il futuro

1.
Definire oggi (e da sempre) che cosa sia la poesia è un’impresa difficile se non impossibile.
La questione è stata ampiamente dibattuta e una soluzione accettabile non si è trovata. Certo, ci si potrebbe accontentare adottando una definizione disponibile sul mercato. Già da altri confezionata. Adattarla alle singole e particolari caratteristiche e il gioco è fatto.  Almeno all’apparenza.

Continua a leggere

Pubblicato in Poesie | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

FAXIMILE

101 riscritture di opere letterarie

faximileTutto è stato già scritto, diceva Borges.  Ma non tutto è stato riscritto, hanno pensato alla casa editrice “Homo Scrivens”  e così “con questo spirito sessanta scrittori hanno messo mano ai loro testi di riferimento profanando il verbo dell’autore, aggiungendovi una parte, ribaltando un concetto o un punto di vista, muovendosi nel tempo e nello spazio, facendoli diventare altro… Continua a leggere

Pubblicato in Varie | Contrassegnato , , | Lascia un commento